Poi, all’improvviso…

Poi all'improvviso SoulFood

SoulFood: una goccia nell’oceano

Mi chiamo Marco e spero davvero che la serata passata insieme lo scorso 7 novembre abbia acceso la curiosità dentro di voi. L’incontro al quale avete partecipato, l’aperitivo appunto, è stato organizzato sia per farvi conoscere questo luogo sia per presentarvi il progetto di cui mi faccio portavoce, “SoulFood”, che avrà inizio mercoledì 21 novembre 2018. Vi starete chiedendo probabilmente di che cosa si tratti.

SoulFood nasce principalmente come un percorso alternativo, come un’opportunità diversa e opposta alla quotidianità piatta e grigia dentro la quale ci muoviamo ogni giorno. SoulFood non si pone certo l’obiettivo di stravolgere la vostra vita, quanto piuttosto di regalare a ognuno di voi la possibilità di abitare la stessa identica esistenza ma con occhi totalmente nuovi. Questo progetto altro non è che un percorso, un cammino che vorremmo intraprendere e condividere  con voi.

La mia esperienza

Personalmente, fino a poco tempo fa, un anno circa, non avevo mai frequentato luoghi simili e a dire la verità preferivo evitarli; poi all’improvviso, lo scorso febbraio, qualcosa è cambiato. Forse perché venivo da un periodo particolare della mia vita o forse perché le domande che avevo sempre ignorato e tenute nascoste si facevano sempre più urgenti, qualcosa si è fatto strada dentro di me ed è stato necessario fermarsi. La scelta di vivere superficialmente, concentrandomi solo sul divertimento, non mi stava portando a nulla; era necessario per me trovare delle risposte o più semplicemente provare a dare un senso alla mia vita.

Le possibilità erano due: continuare a vivere come avevo sempre fatto o dare spazio alla nuova opportunità che avevo davanti? Passare dalla porta larga o camminare per un sentiero non battuto che mi chiedeva di mettermi in gioco e di rischiare? Il bivio era evidente. Fortunatamente la scelta è caduta sulla possibilità di dare viva voce a quelle domande che da sempre mi portavo dentro: da allora la mia vita è cambiata; ho potuto dare finalmente forma e colore a tutti quegli innumerevoli giorni passati all’insegna del grigiore.

Ma che cos’è SoulFood?

SoulFood è questo: dare a ognuno di voi la possibilità di essere se stesso; offrire l’opportunità di liberarsi di tutte quelle maschere che sempre più spesso mettiamo tra noi e il mondo. SoulFood è un cammino da percorrere insieme con persone del tutto simili a noi.

Ciò che mi ha colpito, quando sono arrivato qui per la prima volta, è stato il modo in cui sono stato accolto: sono stato amato per quello che sono, non per quello che sono in grado di fare o per quello che possiedo. Ecco, mi piacerebbe che ognuno di voi, venendo qui, si sentisse così: semplicemente amato. Il mondo non è in grado di accogliere, al contrario. Quando attraversi momenti bui ti volta le spalle: per fortuna qui non è così, qui ognuno di voi è fondamentale. Come diceva Madre Teresa di Calcutta: “Sappiamo bene che ciò che facciamo non è che una goccia nell’oceano. Ma se quella goccia non ci fosse, all’oceano mancherebbe”.

Nessuno è qui a chiedervi di cambiare stile di vita o amici, non è questo quello che conta; vorremmo solo che alle vostre orecchie, ma soprattutto al vostro cuore, arrivasse un messaggio diverso dalla propaganda del mondo, una Luce che si faccia spazio dentro di voi. Vi chiedo solo di fidarvi di me, per quanto sconosciuto possa essere; vi chiedo di fidarvi di chi il cambiamento l’ha sperimentato sulla propria pelle ed è rinato.

Marco Spataro

Ringraziamo Myriam Cuzzocrea per aver collaborato alla realizzazione dell’articolo.

Rispondi